Alessandra Borgia

Si è formata attraverso laboratori di teatro con Annibale Ruccello all’inizio degli anni ‘80 e il lavoro sulla tradizione nella compagnia di E.de Filippo negli anni dal 1982 al 1985, sotto la direzione dello stesso Eduardo fino al 1984 . Da allora la sua carriera si è avvalsa del duplice bagaglio acquisito, quello tradizionale e quello più vicino all’avanguadia e alla  sperimentazione. Da de Filippo a Ruccello, Autiero, Moscato, Scavone e Santanelli, da Moliere a Cervantes, da Pinter a Mc Cann ad Agnieska Hernandez Diaz, autrice del testo: “STREAP TEASE”, vincitore della V biennale internazionale di drammaturgia di genere “ La scrittura delle differenza” diretto da Alina Narciso, autrice e regista anche del più recente “Cuento de aguas”. Gli spettacoli che le hanno conferito maggiori successi sono stati senz’altro “Espiantati” di F. Autiero e “Ferdinando” di A. Ruccello, ripreso anche dalla Rai per “Palcoscenico” con la regia di G. Bertolucci. Nel settembre del 2012 ha partecipato al Napoli Teatro Festival con lo spettacolo “C’è del pianto in queste lacrime”, diretto da Antonio Latella, di nuovo in scena nell’ottobre 2015. Nel 2013 “Uomo e galantuomo” di E. De Filippo con la regia di Alessandro D’Alatri. Ancora con Latella dal 2014 al 2017 per “Natale in casa Cupiello” programmato anche per il 2018 a Santiago del Cile nel festival SANTIAGO A MIL. Nel 2015/16, con il Teatro Stabile di Napoli riprende riprende il filo della nuova drammaturgia, con lo spettacolo “OPEN” , liberamente ispirato alla biografia del tennista A. Agassi, per la regia di F. Panico, con “Dalla parte di Zeno” di Valeria Parrela, con la regia di Andrea Renzi e con la riscrittura di R. La Capria di “Casa di Bambola” al T. Mercadante di Napoli. Il successo mediatico è arrivato con la serie TV “ LA SQUADRA. Del cinema ama ricordare: “Pianese Nunzio…14 anni a maggio” di A: Capuano, “Amor nello specchio” di S. Maira, con un importante ruolo accanto a Peter Stormare, pupillo dei fratelli Cohen, “I Cinghiali di Portici” di D. Olivares di cui è protagonista femminile ed “ESTERNO SERA” di B. R.Prudente accanto a Salvatore Cantalupo. Nel 2016 lavora in “1993” di G. Gagliardi, “La Parrucchiera” di S. Incerti, “Ragù noir” di A. Mazzara, quest’ultimo vincitore di numerosi festival tra cui il LONDON WORLDWIDE COMEDY SHORT FILM Festival. Nel 2018 è protagonista del cortometraggio “Lo spirito giusto” di Andrea della Monica prodotto da Audioimage, in fase di sviluppo il lungometraggio. Nell’estate del 2018 riceve dal PA-ERCO MIBACT l’incarico di direttrice artistica e regista dell’evento “ERCULANEUM EXPERIENCE”, percorsi notturni di teatro sensoriale e multimediale.

Altezza:     1.66
Capelli:      Castano chiari
Occhi:         Castani
Lingue:       Inglese (ottimo), francese (ottimo), spagnolo
Skills:          Danza classica (5 anni) e jazz (4 anni), canto, nuoto