Carlo Mucari

Ha iniziato giovanissimo con una grande passione per lo sport , aiutato da un fisico atletico inizia a boxare arrivando nei campionati regionali. Ama e pratica molti sport dal tennis, all’equitazione, al tiro con l’arco, al nuoto, lo sci invernale e d’acqua , il paracadutismo , ha il brevetto di sub ed è uno skipper. Recentemente poi, da rocciatore , ha scoperto una nuova passione per la montagna. Da giovanissimo ,sempre appassionato di cinema, è proprio su un ring poco più che ventenne ,che viene notato dal regista Mingozzi , con lui inizierà a lavorare nel mondo dello spettacolo . “Gli ultimi tre giorni ” con la regia di Gianfranco Mingozzi è la prima serie Rai a cui partecipa. Un lungo curriculum il suo, ha lavorato tra gli altri con Franco Zeffirelli, Dino Risi , Vittorio De Sisti, Tomaso Sherman, Carlo Verdone, Biagio Proietti,Antonello Grimaldi, Yozo Tokuda e molti altri. Nel cinema raggiunge il successo negli anni ’80 , incontra Giuliano Gemma , al quale lo legherà un’amicizia fraterna. Nel ” Tex e il signore degli abissi” di Duccio Tessari con Gemma nel ruolo di Tex Willer , Mucari intrepreterà Tiger Jack il personaggio del fumetto di Bonelli con cui ha una reale somiglianza . Richiestissimo in quegli anni come protagonista nei film d’azione , non ha resistito al fascino del film erotico degli anni 80 e con “Lady Chatterly” avrà un grande riscontro di pubblico femminile. Il film western e il cinema d’azione sono la sua prima passione ritorna con Jack London ““Buck ai confini del cielo” dove è protagonista con John Savage e ancora protagonista in “Un ponte per l’inferno” regia di Umberto Lenzi e “Blood brothers” regia di Tonino Valerii . Ha lavorato con Sergio Rubini ne”Il viaggio della sposa” dove interpreta il Capitano Palagano, con Antonello De Leo nella commedia “La vespa e la regina”. Numerose le partecipazione in serie televisive per Rai e Mediaset . In teatro si è misurato nel ruolo di Andy in “Chiaro di luna ” di Pinter con la regia di Bolaffio e Polonio in “Rosencrantz e Guildersten sono morti” testo di Tom Stoppard per la regia di D’Avino . Musicista e cantante ha scritto i testi musicati da Umberto Bindi de “La luce in un canto” , una sorta di testamento artistico del grande musicista genovese , brano pubblicato poi nel 2012. Attualmete è impegnato con lo spettacolo di teatro-canzone “Er Gigante- la malinconia di un tempo piccolo ” che ripercorre la figura di Califano attraverso le sue canzoni e i suoi monologhi.

Altezza:     1.80
Capelli:      Brizzolati
Occhi:        Castani
Lingue:      Inglese, francese, spagnolo
Skills:         Pugilato, paracadutismo, equitazione, scherma, sci alpino, sci d’acqua, vela, brevetto sub, calcio

      

Categoria: Tag: ,