Gennaro Cuomo

Dopo il Liceo Scientifico, si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza. Prende parte ad un laboratorio pratico sul mestiere dell’attore, studia canto e impostazione vocale e scopre che la sua voce ben si presta ad un repertorio classico. Viene subito notato e quindi scelto per una serie di rappresentazioni che segnano il suo debutto teatrale, tra cui ” ‘O Juorno ‘e San Michele” opera musicale di E. Porta. Si diploma all’ Accademia di Arte Drammatica, sotto la direzione artistica di Alvaro Piccardi e di altri eccellenti insegnanti. In accademia, nascono una serie di improvvisazioni da cui prende vita un trio con il quale partecipa al Premio Charlot, concorso internazionale della comicità, dove si aggiudica il premio della critica. Con lo stesso trio vive in maniera fulminea l’esperienza del Cabaret, prendendo parte al laboratorio Zelig, attravesrso lo studio del metodo Lecoq. Inoltre si appassiona alla disciplina del Tango Argentino e del Tip Tap. Con i suoi colleghi di accademia prende parte ad “Un viaggio d’amore” di M. Placido. Attraverso l’utilizzo solo del corpo, interpreta Hamlè un ragazzo autistico ne “La classe libera”, tratto dal romanzo Entre les murs di François Bégaudeau. Recita balla e canta nel “Granvarietà” di G. Russo. Si tuffa nel teatro dell’assurdo attraverso la maschera di un clown in “Valentin Express” omaggiando, attraveso alcuni sketches, il grande genio di Karl Valentin. E’ Don Pedro in “Molto rumore per nulla” di William Shakespeare. Partecipa a “L’attesa” , tra realtà e finzione, a cura del Napoli Teatro Festival. Prende parte all’ “Officina Museum” di Renato Carpentieri nella Crociata dei bambini. Recita “Qui non si vendono più bambole” monologo sulla figura di Giovanni Falcone, tratto dal romanzo Per questo mi chiamo Giovanni di G. Gerlando.

Importante incontro con il regista Ivan Cotroneo nel suo film “La Kryptonite nella borsa” è fra i protagonisti ed interpreta Federico, lo zio di Peppino, suo è uno dei migliori sketch della pellicola .Il Film è in concorso al Festival del Cinema di Roma e la fortunata colonna sonora “These boots are made for walking” cover dei Planet Funk diventa un video e ne farà parte con altri protagonisti del film. A teatro è Dorante, Maestro di Musica nel “Borghese Gentiluomo” , in una tournée ricca di consensi raccolti su e giù per l’Italia, per la regia di Massimo Venturiello. Per la televisione interpreta il bello e simpatico Carmine Zullo, pasticciere eccentrico e solare protagonosta nella fiction di Rai Uno, “Un medico in Famiglia 8” . Esordisce alla regia con il cortometraggio Gli “Spazi Bianchi”, di cui è anche interprete e sceneggiatore. Partecipa al film tv per Raifiction Il sindaco pescatore per la regia Maurizio Zaccaro con Sergio Castellitto Ritorna in scena nella stagione 2015/2016 con Il Grande Dittatore di Charlie Chaplin regia M. Venturiello G. Marini musiche di Germano Mazzocchetti.

Altezza:     1.83
Capelli:      Castani
Occhi:        Azzurri
Skills:        Canto (classico-lirico), coro gospel, nuoto, equitazione, calcio, tennis, fitness, tango argentino, tip-tap, scherma, acrobatica, pugilato