Gianfranco Gallo

Attore, cantante, autore, regista. Figlio d’arte, il padre, Nunzio Gallo, è stato uno dei più popolari interpreti della canzone napoletana degli anni cinquanta, la madre Bianca Maria ha recitato in teatro e televisione prima di divenire una gallerista d’arte. Debutta in teatro nel 1981 con la compagnia del maestro Roberto De Simone nella quale resta tre anni ed è interprete di Eden Teatro di Raffaele Viviani e poi, nell’ordine, de L’opera buffa del giovedì santo e di Lucila Costante. Negli anni recita al fianco di grandi nomi del teatro partenopeo quali Lina Sastri, Peppe Barra, Marisa Laurito, Rosalia Maggio, Carlo Croccolo, Antonio Casagrande e molti altri. Dal 2003 è nel cast, come ospite fisso, della soap opera Un posto al sole, nella quale veste i panni di Rocco Giordano.  E’ autore di 20 commedie tutte rappresentate e di alcuni musical: Quartieri spagnoli, Napoli 1799, Ti racconto Miseria e Nobiltà. Come regista Gallo ha diretto tra gli altri: Leopoldo Mastelloni, Patrizio Rispo, Carlo Croccolo e Maria Teresa Ruta. Le ultime commedie di Gianfranco Gallo da lui stesso rappresentate sono state Non ci resta che ridere al fianco della Ruta nella stagione 2006-2007 e Ti ho sposato per ignoranza. Si è cimentato anche come regista e autore di cortometraggi.  Nel 2012 è nel cast de Il clan dei camorristi su Canale 5 e della fiction Don Matteo 9 su Rai 1, nel 2013. Nel novembre 2015 debutta con la sua nuova commedia È tutta una farsa al Teatro Cilea di Napoli, prima tappa di una tournée italiana. Nel 2016 esce nelle sale il film Indivisibili di Edoardo De Angelis, nel quale recita il ruolo del prete; il film vince il premio FEDIC alla 73ª Mostra. Nello stesso anno entra nel cast di Gomorra – La serie nel ruolo del feroce boss Don Giuseppe Avitabile nel successo di Sky Atlantic , stagioni 2 e 3. Nel 2019 è nel cast del “Pinocchio” di Matteo Garrone e di nuovo al Festival del Cinema di Venezia col film Nevia, di Nunzia De Stefano, che si aggiudica il Premio Lizzani. Per Max Bruno, nel film “Ritorno al Crimine”, interpreta un bellissimo personaggio accanto ad Alessandro Gassman, Marco Giallini, Gianmarco Tognazzi. In “Fino ad essere felici” di Paolo Cipolletta è coprotagonista con Francesco Di Leva e Miriam Candurro.

Autore di un libro di racconti dal titolo “Napoli da Sotto a Sopra” del 2011 (ed. Graf ) e del saggio “Cuori in ordine alfabetico” del 2013.

Premi: Nel 2007 vince il festival del corto sociale Nickelodeon di Spoleto e il Formicalata di Giovinazzo (Bari) col suo corto “La Gamba di Diego”. Nel 2016  riceve il prestigioso premio “Capri Awards Patroni Griffi” alla carriera. E’ “Miglior Attore Protagonista”, sezione cortometraggi, al Festival “Corti sul Lettino 2018” e per due edizioni di seguito al Festival internazionale di Manfredonia “Corto e Cultura” 2018 e 2019. Come “Miglior Regista” vince il “Festival Galà del Cinema e della Fiction in Campania 2019” e il “Castello film festival” tutti e due per il cortometraggio “Denyse al di là del vetro”, col quale apre il Festival del Cinema di Tavolara 2019 e partecipa alla selezione dei David di Donatello 2020.

Altezza:     1.70
Capelli:      Castani
Occhi:         Azzurri
Lingue:       Inglese (buono)
Skills:          Equitazione, canto (tenore), nuoto