Pietro Sarubbi

Studia Regia e Comunicazione all’Università popolare dello spettacolo di Napoli; in seguito segue il corso di Regia presso la Civica scuola d’Arte drammatica del Piccolo Teatro di Milano. Inizia il suo percorso artistico nel 1979 lavorando in teatro. Nel 1980 arrivano i primi contratti Rai per Portobello, Fantastico e numerosi film tv. Debutta nel cabaret con Zelig e dal 1985 partecipa a film-tv, fiction e sit-com di successo tra cui Casa Vianello e Camera Cafè. La presenza fissa al Maurizio Costanzo Show gli dà grande notorietà. In teatro lavora con Zeffirelli, Lavia, Kantor, Finzi Pasca e Sixty, nel cinema con grandi registi italiani (Gabriele Salvatores, Nanny Loy, Dino Risi…), ma sono due registi stranieri ad affidargli i ruoli più importanti: John Madden, regista britannico celebre per “Shakespeare in love” (1998), lo sceglie “per la mia faccia e la mia umanità” nel cast di Il mandolino del capitano Corelli, dove recita al fianco di Nicolas Cage, Penelope Cruz e John Hurt. Mel Gibson gli affida il ruolo di Barabba in La passione di Cristo (2004). Sarubbi, parallelamente al percorso di attore, studia le più diverse tecniche di comunicazione efficace, filosofia delle arti marziali e antropologia sociale viaggiando e vivendo in Tibet, Brasile, Argentina e Inghilterra. Ha pubblicato Da Barabba a Gesu’ e Il mio nome e’ Pietro.

Altezza:     1. 85
Capelli:       Neri
Occhi:         Neri
Lingue:       Inglese, spagnolo, portoghese